Tags

, , , , , ,


MEARDI CANDIDO (20 /6/1947) nel febbraio del 2015 ha riunito e rielaborato nella raccolta “Il destino di un eterno mare “poesie in buona parte inedite ed in parte già pubblicate nei “Quaderni Amisaniani” nella rivista politico -letteraria  “Ulisse ” e nel periodico “Il Caffè “.

È curatore di pagine di poesia e letterarie per diversi giornali e riviste locali. Vincitore di numerosi premi letterari tra cui al primo posto il premio Mimesis 2015, il premio QUASIMODO 2015, il premio Poesia dell’anno 2015 di Quartu Sant Elena, il primo premio Città di Massa 2016, il primo premio Lions di Rho 2016 e tanti altri riconoscimenti. Di recente la città di Arce lo ha nominato ambasciatore della poesia della pace nel Mondo.

● Alcune poesie scelte: 

MIGRANTI (PARAFRASANDO QUIRICO)

I vostri occhi
nati nei deserti sassosi
o sulle sponde malate
di fiumi dolorosi
hanno
da tempo immemore
dentro le pupille nere
il lontano luccicare
del mare…
Avete negli occhi
la promessa
di tutte le verdi terre
felici della terra;
il sogno 
di tutte le ricche terre
dove bambini festanti
giocano sazi
con gli aquiloni al vento…

TRILOGIA DELLA NEVE

La neve

Allora ho vissuto l’incanto della neve 
camminata con la luna 
nelle sere. 
Neve di lana 
che riscalda 
cadenzato il passo… 
Dorme intorno azzurra la pianura 
e parlano i compagni, 
virili con le sciarpe.

Senza la neve

Senza il peso dolce della neve 
quest’anima mia greve 
non respira 
in questo inverno polveroso e secco. 
Ma è contento il passero 
con il becco 
picchia sul mio vetro 
non per carità di pane 
ma per allegria. 
Senza la neve ingrassa 
e nell’orto onestamente 
se la spassa 
per il suo tempo 
spensierato e breve.

Verrà la neve

Verrà la neve 
su questa città stanca 
verrà la neve 
sulla natura ferita; 
faranno fantocci 
i bimbi 
nella piazza 
davanti alle rovine 
visibili e segrete.

Tutti i diritti riservati all’autore

Advertisements