Guarda “BOOKCITY DI MILANO “OLTRE IL MALE ” 8° VERSEGGIANDO SOTTO GLI ASTRI…20 NOVEMBRE 2016, CERIFOS” su YouTube

Tags

, , , , ,

Advertisements

MILANO BOOKCITY 2017 presso CASCINA LINTERNO

Tags

, , , , , ,

Durante la rassegna Bookcity di Milano la storica e incantevole Cascina Linterno ospiterà ben quattro eventi tra cui la nostra serata Festina Lente. Sulla locandina allegata, però, troverete info riguardanti tutti gli eventi. Non mancate!

Ringraziamo il Presidente dell’Associazione Amici Cascina Linterno Gianni Bianchi e il poeta Giuseppe Leccardi per l’accoglienza. 

Segue un breve fotoreportage

Izabella Teresa Kostka  (coordinatrice del programma Verseggiando sotto gli astri di Milano) con il Presidente dell’Associazione Amici Cascina Linterno Gianni Bianchi. 

Intanto condividiamo un breve fotoreportage scattato il 14 novembre 2017 presso Cascina Linterno e Chiesetta dell’Assunta. Un incantevole rustico impregnato di cultura e pura magia. 

Foto: Izabella Teresa Kostka 

ANTOLOGIE DEL “VERSEGGIANDO SOTTO GLI ASTRI DI MILANO”

Tags

, , ,

Ecco le antologie benefiche contenenti le opere dei poeti Verseggiatori e degli artisti simpatizzanti col gruppo:

● “Mai più” per il Giorno della Memoria. Ed. febbraio 2016 Antologica Atelier di Lucia Lanza  (ed.Lulu), la curatrice del volume Izabella Teresa Kostka, prefazione Izabella Teresa Kostka. Le note finali di Raoul Bianchini e di Giovanni Andrea Negrotti.
All’interno 47 autori vari selezionati dal bando.
Il ricavato della vendita è destinato ai Medici senza frontiere.
Per acquistare l’antologia:

http://www.lulu.com/shop/aa-vv/mai-piu/paperback/product-22556519.html

Autori presenti nell’antologia:

● “Oltre il male” dedicata ai malati terminali, ai sopravvissuti e agli scomparsi precocemente. Ed. aprile 2016 Antologica Atelier di Lucia Lanza (ed.Lulu) con il Patrocinio del Centro di Ricerca e Formazione Scientifica Cerifos di Milano. Curatrice: Izabella Teresa Kostka, prefazione Mariateresa Bocca, nota introduttiva di Izabella Teresa Kostka, postfazione di Lina Luraschi. All’interno del volume oltre 40 autori rigorosamente selezionati dal bando. Il ricavato della vendita è destinato al progetto “Adotta un ricercatore”.

Per acquistare l’antologia: 

http://www.lulu.com/shop/aa-vv/oltre-il-male/paperback/product-22678991.html

Poeti pubblicati nel volume:

● In prossima uscita l’antologia benefica “Le maree della vita” che verrà pubblicata dal Centro Tipografico Livornese Editore di Nino Bozzi, il ricavato ottenuto sarà destinato alla CasAmica Onlus. All’interno verranno pubblicati gli elaborati dei 34 poeti selezionati dal bando e le opere delle 3 curatrici del volume (Izabella Teresa Kostka,  Lina Luraschi e Mariateresa Bocca). 

● Numerosi poeti Verseggiatori hanno partecipato all’antologia benefica a favore dell’Associazione Pronto Donna di Arezzo, intitolata “Non uccidere. Caino e Abele dei nostri giorni” contro ogni tipo di violenza e discriminazione, a cura di Izabella Teresa Kostka e del critico letterario Lorenzo Spurio, The Writer Editore aprile 2017. Ospite Speciale della pubblicazione: Fabrizio Romagnoli (attore, drammaturgo e regista) col monologo teatrale contro il bullismo. Prefazione:  Lorenzo Spurio, nota introduttiva:  Izabella Teresa Kostka, all’interno del volume le liriche di oltre 40 autori rigorosamente selezionati dal bando e dei due curatori del libro.

Per acquistare l’antologia: 

https://www.google.co.in/amp/s/m.libreriauniversitaria.it/amp/product/BIT/9788899627379

Autori pubblicati sull’antologia: 

POETI VERSEGGIATORI: ADA CRIPPA 

Tags

, ,

Ada Crippa nasce ad Agrate Brianza dove tutt’ora vive. Scrive poesie dall’età di otto anni. Proviene dal mondo operaio e dalla militanza politico- sindacale

Ha pubblicato cinque  raccolte e due plaquette:  
Antimenti – Antologia a tre Voci- 1989 (prodotto in proprio)

“Vele” –  LietoColle 2007

“Acqualuna”  – Onirica Edizioni 2011

“Eco di Neve-  Haiku” –  La Vita Felice  2014

“Tra l’aria senza forme”- Caosfera Edizioni-  2016

Plaquette Pulcinoelefante: “Libero suono” –   2004 “Albero”  –  2005
Partecipa ai Poetry Slam e reading personali e collettivi 

Scrive brevi racconti mai pubblicati, ma ciò non le ha impedito di mettere  in scena, durante la festa dei popoli sulla piazza comunale del suo paese (Agrate Brianza), un suo breve racconto: “Dritan del cielo stellato”.  Racconto testimonianza   che parla della traversata per mare dei clandestini Albanesi.

● Alcune poesie scelte 

IN CANTO DI SAFFO

Mi sono innamorata di un uccello
dalle piume umane

non c’è traccia del suo passaggio
sulla bianca rena, nessuna orma
nella terra bruna
– o mia dea Afrodite
mia protettrice-

ma dirti so del velluto e del vibrare
di ogni sua piuma
quando d’eros l’onda si fa parola
quando al mio nido – leggero
approda.

Non sembianza umana
– o mia dea Afrodite –
spogliò il mio corpo
all’amplesso
ma la grazia del volo
nel vento.

Mi sono innamorata di un uccello
dalle piume umane
non c’è è traccia del suo passaggio
sulla bianca rena, nessuna orma
nella terra bruna
– o mia dea Afrodite –

eppure è in ogni luogo e in ogni tempo
lo sento
seppur raro è incontrarlo
questo tuo sublime
sortilegio

LA FORZA DELLA BELLEZZA

Così, innalzata mi sento

̶ danzatrice, tesa piuma
nelle mani elevate
del danzatore –

quando bellezza altrui e altre cose
pervadono straripanti
le strade tutte del mio corpo

lì vorrei restare
tra l’aria senza forme sublimata
poi nuova ̶ discendere

Tutti i diritti riservati all’autrice

Serata Straordinaria presso il Salone Enrico Musa dell’Associazione Carducci,  il 2° Anniversario del programma itinerante Verseggiando sotto gli astri di… (13.10.2017)

POETI VERSEGGIATORI: ROSA MARIA CORTI

Tags

, , , , ,

NOTA BIOGRAFICA
Rosa Maria Corti è nata a Oggiono e vive a Lenno sulla riviera occidentale del lago di Como. Come già durante gli anni d’insegnamento continua a occuparsi di storia, arte e cultura del territorio lariano collaborando con la rivista culturale “Como & dintorni” e il Quaderno Scientifico di APPACUVI.

Scrittrice eclettica, inserita nell’“Enciclopedia degli Autori Italiani”, ha ottenuto importanti riconoscimenti in numerosi concorsi letterari fra i quali recentemente: 1a classificata al Premio Antonio Fogazzaro, 1a al Premio Letterario Internazionale Città di Bellizzi, 1a al Premio Letterario Acarya, 1 a al Premio Benedetto Antelami; 1a al Premio Internazionale “Salviamo la montagna”; finalista al Premio Internazionale Salvatore Quasimodo; finalista al Premio Internazionale Europa in versi; finalista al Premio Nazionale Il Litorale; vincitrice del 1° premio di poesia in lingua lombarda al 58° Concorso “Penna d’Oro”; vincitrice del 1° premio al 42° Concorso “Vicolo Poldo”.
É stata più volte ospite di TV Espansione Como e della Rete Uno della Radio Svizzera Italiana per presentare la sua produzione letteraria. Nel 2014 ha partecipato al Festival Internazionale di Poesia che si è tenuto a Villa il Grumello di Como. Nel maggio 2015 presso “Alcantino Gallerighini” di Tirano, al primo incontro della sesta stagione, ha presentato con lo storico Giorgio Terragni “In viaggio con le streghe”. Dalla storia alla poesia ricreando magiche atmosfere.

Tra i suoi libri si vogliono qui ricordare: “Mistero all’abbazia”; “La Colombera”; “Né angeli né demoni” (trilogia medioevale pubblicata da Montedit, Melegnano, Mi); “Pagür, ancestrali timori e rimedi nel territorio del Lario e delle sue Valli” e “Tra sbuffi di vapore e sferraglianti trenini”, (saggi storici pubblicati da Bellavite Editore, Missaglia, Lc); “Natal degli Eroi. Da cielo a cielo col pilota di D’Annunzio” (Biografia romanzata); “Da Chiavenna allo Spluga”(Prose e poesie per una valle alpina); “Valli Poetiche” (Itinerari culturali nelle valli lariane. La Valle Intelvi). Fra le raccolte poetiche si segnala una trilogia per celebrare i luoghi dell’anima: “Il mio Lario” (1° classificato al Premio Letterario Internazionale Città di Bellizzi); “La mia valle” e “La mia Provenza”. 

Con la casa Editrice Pulcinoelefante sono stati pubblicati “Pentagramma” e “Anima Vagula” con argille di Morandotti. Nel 2014 è uscita la raccolta “Scaturigini” (Finalista al Premio Nazionale “Il Litorale” 2016), edita dalla Casa Editrice Valtellinese CFR, Piateda (Sondrio), in cui la parola poetica trova corrispondenza in immagini realistico/artistiche. Nel 2015 è stato pubblicato “Il Generoso. La montagna dei racconti, delle fiabe e della poesia”, Editore Macchione, Varese. 
È presente in numerose antologie, fra le quali: Verba Agrestia, LietoColle; Il Litorale, Centro Culturale Il Litorale, Massa; Alfabeto Animale a cura di Eloisa Guarracino, Fondazione, Zanetto, Brescia; Arbor Poetica, LietoColle; Ai propilei del cuore, Edizioni CFR; Il segreto delle Fragole, LietoColle; Cronache da Rapa Nui, Edizioni CFR, 2013; Keffiyeh, Edizioni CFR; Più non sai dove il lago finisca. I poeti di Europa in versi, Stampa, 2015, Azzate (Varese).

Nel 2016 “42 Voci per la Pace”, Pontedilegno Mirella Cultura, Nomos Edizioni;“30  aprile 1916……e si compie il destino del Battaglione Val d’Intelvi ” Edizioni New Press, 2016; “ C’era una volta il presepio” in Tramuntana, Aletti Editore, 2016

● Alcune poesie scelte 

ALLA CORTE DI APOLLO

Luce garzata oggi sugli ulivi,
pensieri lievi si mescolano a respiri
e nubi si fondono con le onde
mentre per le vie del vecchio borgo
profumo di pane e suono di campane.
Mnemosine fa festa in Tremezzina,
danzano con Apollo le figlie d’Elicona
risorge il sogno d’ogni artista,
s’apre una “Finestra d’Arte”1 stamattina.

1. Casa Brenna Tosatto: una casa per vivere l’arte. Edificio liberty progettato da Mario Tosatto. Lago di Como, Tremezzina, frazione Campo.

BOREA RAPISCE ORIZIA

Bisbigliano onde mattiniere,
hanno fretta di sottrarsi
all’abbraccio di monti
di nuovo freddi e silenti.
Fuggono stormi d’inchiostro,
arano rapidi la distesa del cielo,
come quel tenue filo di fumo
nell’aria che s’è fatta di gelo.
Ai giorni corti dell’inverno,
all’ombra smorta, al lutto,
s’oppongono vermiglie bacche
che giammai daranno frutto.
Sorridono i gemelli celesti
quando Elio guida il cocchio
all’occaso, i Diòscuri sanno:
Borea rapisce Orizia ogni anno.

TEMPUS FUGIT

Nere le sponde,
pasta d’oro fuso
il lago al tramonto.
Nella clessidra
per un istante
sembra fermarsi il tempo,
poi in scaglie scintillanti
si scioglie
rapida una scia.
Precipita il carro di Fetonte
e già s’avanza Plutone
mentre il dì lentamente smuore.

Tutti i diritti riservati all’autrice.
Serata Straordinaria a Como presso Salone Enrico Musa dell’Associazione Carducci, 13.12.2017. Il 2° Anniversario del programma itinerante “Verseggiando sotto gli astri di…”.

POETI VERSEGGIATORI: VERONICA LIGA

Tags

, , , , ,

Veronica Liga nasce (nel 1973) e si laurea in lingue a San Pietroburgo – una città interculturale che ama definire “una specie di esperanto”. La sua adolescenza coincide con gli anni dei grandi cambiamenti – la “Perestroika”, la caduta dei regimi socialisti nel mondo. Dalla più tenera età nutre una passione per la lingua e la cultura italiana – passione che ha determinato le sue scelte di lavoro e di vita. Dopo aver visitato e girato l’Italia innumerevoli volte, nel 2003 si stabilisce in provincia di Como, dove ancora oggi vive e lavora come interprete. Le esperienze forti e svariate l’hanno portata alla convinzione che non c’è nulla di più universale ed importante del cammino spirituale della Persona. Ed è questo l’argomento prevalente delle sue poesie introspettive, condite con ironia. Trova naturale scrivere in quella lingua nella quale comunica e pensa in quel momento. Da anni collabora con diversi portali letterali. Ultimamente è un’assidua frequentatrice dei circoli culturali lombardi e non solo. I suoi testi sono stati musicati dal gruppo irpino “Nuove forme di Poesia”, dalla cantautrice modenese Almax, dal brianzolo Paolo Fan e dal francese Roudoudou. A maggio del 2011 con OTMA Edizioni pubblica il suo primo libro “Le parole sono segnali stradali”. Nel titolo sta la sua filosofia: “Le parole non possono trapiantare l’esperienza di un altro. Diventano però un dono prezioso – ed una missione per chi le genera – se vissute in questa chiave: come Segnali Stradali che indirizzano i pensieri, le vibrazioni verso i luoghi affini, condivisibili. Verso l’Incontro. Creando brecce nel muro fra le anime qual è l’alienazione, la solitudine. A novembre del 2014 pubblica con “David and Matthaus edizioni” il secondo libro “Regolazione termica” dove continua ad esplorare il tema della ricerca del calore del Contatto.

● Alcune poesie scelte 

DIDONEIDA (alla memoria del mio Enea)

E Didone beveva il suo Enea,
ebbra del suo sapore salato
di mare, di lacrime, di vene strappate –
l’allucinogene più potente,
una miscela di tre spezie: Love, Salt and Dream –
navigando le onde theta verso la loro Roma…

Ed Enea parlava delle loro acque diverse
unite per piovere armonia e libertà sul mondo;
E lei come Orfeo con la sua lira
placava le bestie infernali dentro di lui.

Ed il suo giardino segreto
fiorì così selvaggiamente
che i frutti avrebbero nutrito
un’intera squadra di costruzione!
E il programma, come di norma, ebbe un bug:
Lui partì senza chiamarla con sé …

E lei bruciò sulla pira
nel fuoco dell’inferno che lui le lasciò..
ma aveva geni da fenice;
Quindi si alzò in un corpo nuovo
con qualche capello bianco e qualche chilo in più
gettando le proprie ceneri
nel mare navigato da Enea.

E da sola costruì una città
con i boschi fitti e le montagne innevate,
fiumi di Chianti e rive di cristallo
dove sedersi ed aspettare il nemico …

E il fiume le portò il corpo di Enea.
Lei avrebbe preferito un’orchidea
o una notizia da quella Roma
dove tutti si capiranno
ma la vita non è fatta né di zucchero né a Hollywood.

*

ATENA STANCA

Atena oggi è stanca.
Si toglie l’armatura.
Si chiudono le mura,
La piaga si spalanca…

Atena oggi è stanca,
Atena oggi sclera…

Se fai così ti manca
la forza quella vera,
sussurra la civetta,
l’amica più fedele,
Si scivola sul fiele
salendo per la vetta.

Non ti farà del male
calmare quest’affanno:
Nemici immortali
domani torneranno…

Tutti i diritti riservati all’autrice

Serata Straordinaria a Como presso Salone Enrico Musa dell’Associazione Carducci, 13.10.2017.

POETI VERSEGGIATORI: ANNA MOSCA

Tags

, , , , , ,

Anna Mosca poetessa e artista concettuale originaria di Arcore vive tra gli Stati Uniti e l’Italia. Ha al suo attivo tre libri di poesie monografici pubblicati, di cui due bilingue. “Imputami il peccato di voler sopravvivere” nel 2014 Edizioni Ama, la raccolta bilingue “California Notebooks 01” nel 2015 e il secondo volume bilingue, “California Notebooks 02” nel 2016 sempre con Edizioni YCP. Partecipa attivamente a letture pubbliche e Poetry Slams. Vince vari concorsi di poesia ed è presente in molte antologie cartacee e digitali. Ha ricevuto varie menzioni di merito. La sua prima pubblicazione è con le edizioni Pulcino Elefante nel 2001. Docente di Accademia Artistica a Milano al momento vive un periodo sabbatico dedita unicamente alla poesia e alla fotografia. Vive tra la California e la verde Brianza. Dall’anno 2011 conduce un blog di poesia bilingue online molto seguito http://www.annamosca.com

● Alcune poesie scelte

*

la poesia è
la descrizione
di una transizione

i dettagli

di un viaggio
dentro nuove terre
sconosciute

coricate

da tempo al nostro fianco

(Tratta da California Notebooks 02)

*

è un movimento
successivo

quello di dare alla poesia
un modo

di raccontare la bellezza
che si sofferma

non vista
fulgida sensibilità

luce
nei nostri giorni bui

quando
pensiamo che ci sia

ben poco da vedere

(Tratta da California Notebooks 02)

*

raccolgo le parole
come margherite
in un campo nuovo

attenta a tenerle
in piccoli mazzi
mai così belle

come appena scoperte
un ricordo di meraviglia
arrossiscono si chiudono

sul loro significato
si coprono il cuore
schive della verità

piuttosto prossima
al nostro spirito sordo

che rammenta solo
un paio di note

(Tratta da California Notebooks 01)

Tutti i diritti riservati all’autrice

Serata Straordinaria a Como presso Salone Enrico Musa dell’Associazione Carducci, 13.10.2017.

POETI VERSEGGIATORI: PIETRO PANCAMO 

Tags

, , , , , ,

Nota biografica 

Pietro Pancamo, autore della silloge poetica «Manto di vita» (LietoColle), conduce un podcast letterario sulle bit-frequenze di Radio Big World (emittente italofona di Madrid) e scrive per la piattaforma culturale di Hong Kong «Beyond Thirty-Nine». Ha collaborato, come recensore, con il sito dell’edizione fiorentina del «Corriere della Sera». Dopo essere stato incluso nell’antologia «Poetando» (Aliberti), curata da Maurizio Costanzo, si è visto pubblicare una breve raccolta di versi dal blog «Poesia» di RaiNews 24 e dedicare una puntata del programma «Poemondo» dalla radio nazionale della Svizzera italiana. Di recente è apparso su «Diogen», rivista letteraria di Sarajevo fra le più importanti d’Europa.

● Alcune poesie scelte 

Poeti

Noi che visitiamo carmi di sole
brindiamo con versi e parole.

Scriviamo sorrisi
e sentimenti in codice;

insonni di vita

andiamo sposi

ai nostri occhi.

***

Come una spia

Non uccidermi alla schiena
se come una spia,
per evitare di netto
che la terra promessa
sia quella del sepolcro,
presenzio alla vita
per conto dell’arte
(guardiana del mondo)
per poi riferirle
con un quadro o una poesia.

***

Gli artisti feriali

Commettono in segreto una vita ideale e si macchiano di poesia
rubando alla giornata crome di tempo:
minuti provvisori che ognuno trascorre
in atto di pensare, di soffrire, di sognare.
Ecco descritti voi, noi artisti feriali,
per cui la vita reale è un espediente economico
in attesa delle vacanze o della sera,
quando, nell’intimità del riposo,
ci diamo finalmente alle nostre passioni.
Il tenore dilettante s’inginocchia dinanzi all’amata
e intona in lingua solfeggiata un’aria romantica e romanticona:
«Donna che abbaglia non morde: v’adoro perciò. E spero tanto
di non vedervi mai somigliare alla primiera mia moglie,
che cinto mavea il capo di corna lascive»;
il filosofo impiegato, lontano da tutto ma non dai tg serali,
che illustrano tragedie con pignola indifferenza,
si domanda con orrore: «Perché Dio non esiste?».
Poi, sconvolto, si accascia sul balcone
e rantola guardando il cielo: «Dio, se ci sei, batti un tuono».
È così che, durante il primo temporale estivo,
egli si converte al politeismo antico.
Infine il poeta nascosto, da una vita diversa dall’arte,
cataloga i propri sentimenti in ordine di sofferenza
ed ogni poesia è la scheda segnaletica d’emozioni piagate.
Negli attimi di buon umore,
come l’indiano poggia l’orecchio a terra,
egli accosta la mano al petto e sentendo una vibrazione continua,
deduce ammirato: «Il mio cuore ha un carattere milanese!
È sempre in movimento, perfino di notte. È sonnambulo!».
Però, negli attimi d’ironia, il pensiero cambia:
«Certo il mio cuore» dice il poeta
«dev’essere un gran disperato. Fa
come gli uomini pazzi e furiosi: passa la vita
a picchiare la testa contro il costato
(loro, invece, addosso ai muri) fino a spaccarsela».

Tutti i diritti riservati all’autore
Serata Straordinaria a Como presso Salone Enrico Musa dell’Associazione Carducci,  13.10.2017.